0
Il tuo Carrello è vuoto

Cometa Neowise 2020 come emozionarsi e dove, vedendola.

Blog

Cometa Neowise 2020 come emozionarsi e dove, vedendola.

Una cometa! Sì, appare in questi giorni incredibilmente nei nostri cieli!

Sembra fatto apposta: un segnale per l’umanità dopo il periodo pandemico che abbiamo vissuto, costretti nelle privazioni delle nostre libertà. 

Lei si muove sopra di noi, questa “stella” che non è disposta a rinunciare alla sua libertà e ci trasmette questo senso di magia a senso unico, mentre rinuncia alla sua staticità: le cose della vita evolvono, come lei, non stanno ferme, spesso seguono una linea parabolica e un via imprevista, a volte si conficcano, come una freccia scagliata sbagliando bersaglio, ma hanno il potere magnifico di spandere un brillio capace di lasciare un segno.

Siamo liberi, come lei di riprendere in mano le nostre vite e continuare le nostre storie quotidiane, ma il messaggio è inequivocabile: fermiamoci ad osservare il cielo, ogni tanto, per godere di uno spettacolo straordinario come questo.

C/2020 F3 per gli amici semplicemente NEOWISE dal satellite che l’ha scoperta il 27 marzo scorso: in questi giorni è visibile dalla terra ad occhio nudo.

È una cometa classificata come non periodica, ovvero che passa solo “ogni tanto” e ritornerà ad essere visibile dalla terra tra 6766 anni. Per chi di voi ha in programma di vederla al prossimo giro beh, tanti auguri con gli acciacchi della vecchiaia e iniziamo a credere alle reincarnazioni per ritornare a vivere!

Il suo punto di massima vicinanza al sole è stato lo scorso 3 giugno e probabilmente riusciremo ancora a vederla per tutto il mese di luglio (speriamo), anche se dovrebbe calare di magnitudine (luminosità) di giorno in giorno, man mano che si allontana dal sole. Affrettatevi dunque!

Cosa fare per vedere la cometa Neowise

La cometa è talmente luminosa che è visibile anche ad occhio nudo! Io non posso definirmi un falco e la riesco comunque a distinguere e a riconoscerne la differenza rispetto le altre stelle. È super consigliato un normalissimo binocolo o cannocchiale, perché ve la mostrerà davvero in grande e vi permetterà di apprezzarla molto di più.

Per vedere la cometa dobbiamo avere un cielo il più possibile terso e non avere ostacoli sul terreno in direzione NORD – EST, fino al 14 di Luglio e successivamente in direzione NORD-NORD-OVEST.  La cometa è abbastanza bassa nel cielo (vicina all’orizzonte) e la situazione ideale sarebbe quella di riuscire a vedere la linea dell’orizzonte in quella direzione, per essere così sicuri di non avere ostacoli (colline, alberi, case o altro). Se ne avete la possibilità vi consiglio di andare un po’ fuori città, magari in collina, in modo che la lieve altitudine vi eviti la cappa di umidità e smog che troppo spesso alberga sulle nostre città.

Vi segnalo uno strumento che vi permette di fare una simulazione della volta celeste durante la notte, si chiama Stellarium ed è un must per gli appassionati di stelle!  Esiste sia come app (a pagamento) o come programma per pc/mac o addirittura come browser web app (gratuito). Stellarium vi permette di cercare un corpo celeste, in questo caso C/2020 F3 (NEOWISE) e visualizzarlo nella sfera celeste. La cosa utilissima è che ce lo mostra in relazione alle altre stelle, permettendoci così di localizzarla meglio, una volta sul posto, e ci mostra come varia l’aspetto del cielo nei diversi orari. Sarà utilissimo spostare avanti il tempo durante la notte, per vedere come si posizionerà la cometa nel cielo.

Stellarium

quando

Per qualcuno potrà essere la nota dolente.  Per i prossimi 2-3 giorni (diciamo fino al 13 Luglio 2020) La cometa la potete vedere indicativamente tra le 3.40 e le 4.30 del mattino. Prima di tale orario è troppo bassa sull’orizzonte, dopo diventa troppo luminoso per l’imminente albeggiare.

È una levataccia è vero, ma si tratta di “ora o mai più” (sempre che non vi reincarnerete per vederla nella prossima vita, ma adesso sarebbe bello pensare a questa di vita)! Personalmente amo il cielo stellato in ogni occasione e non mi dispiace mai sacrificare del sonno per stare con il naso all’insù sotto le stelle, ma questo è davvero uno spettacolo unico e irripetibile.

Riuscire a vedere con i propri occhi quell’oggetto misterioso, lontano oltre l’immaginabile, in grado di sprigionare gas e polveri da chissà quanto tempo, è veramente un’occasione da non perdere!

Dal 13/14 di Luglio 2020 inizia ad essere più semplice (e comodo) osservarla la sera da non appena fa buio, intorno alle 22.15 fino a mezzanotte circa.

Vi consiglio di fare qualche simulazione con Stellarium per orientarvi meglio e capire quanto bassa e dove sarà esattamente.

C2020-F3-NEOWISE-ZOOM

come fotografare la cometa

Ah già sono un fotografo! Non vogliamo parlare di come fotografare la cometa?

Per fortuna è abbastanza facile.

Serve ovviamente un treppiede, la macchina fotografica ed un obiettivo di almeno 30 mm, meglio se più lungo. Con più grandangolare è l’obiettivo, tanto più potrà essere lunga l’esposizione che potremo tenere senza avere le stelle mosse: avremo una cometa ambientata, ma risulterà piccola.

Sfruttando un teleobiettivo invece riusciremo ad apprezzare la cometa bella in grande, per contro sarà più difficile ambientarla e potremo tenere tempi di scatto meno lunghi.

Per fortuna è un orario in cui inizia ad esserci parecchia luce, quindi non servirà esagerare come tempistiche ed iso.

Uno strumento molto utile per fotografare la cometa è l’astroinseguitore, ma è uno strumento molto di nicchia per gli appassionati di fotografia notturna e quindi non ne parleremo per il momento.

Importanza cruciale avrà la messa a fuoco manuale che dovrà essere tendente all’infinito o sfruttare l’iperfocale del proprio obiettivo e parametri. Se non siete pratici di messa a fuoco notturna (credetemi non è una banalità per chi lo affronta le prime volte), tentate di mettere a fuoco all’infinito a casa di giorno, magari con l’autofocus su un punto molto lontano, e portandola in manuale la manterrete inalterata pronta per la notte.

Mi è davvero difficile indicarvi i parametri di scatto da usare, perché è una situazione in cui la luce cambia tantissimo in pochissimo tempo. Vi posso consigliare le seguenti cose:

  • Diaframma il più aperto possibile (poi potrete valutare se chiuderlo un po’)
  • Tempo: non posso dirvi un tempo esatto, ma posso dirvi come calcolare il tempo MASSIMO che potrete tenere, non andate oltre a questo. Tornerò con altri post su questa ed altre regole di calcolo, ma per il momento mi limito alla formulina. Calcolate 300 diviso per i mm dell’obiettivo con cui state scattando (mm equivalenti su fotocamera full frame).

300/mm = secondi di scatto

Ad esempio se scatto una foto a 200mm su macchina apsc (1,5) potrò scattare per 300/200mm x (1,5x che è il fattore di conversione a full frame) = 1 secondo. Potete stare in un intorno di questo tempo, ma non eccedete oltre.

  • Iso: non vi serviranno alti iso perché c’è abbastanza luce. Nel caso non vi bastasse la luce, dovrete regolarli in modo tale da avere la foto ben esposta tenendo conto del diaframma scelto e del vincolo che avete sul tempo di scatto.

piccolo riassunto schematico

  • Visibile tra le 3.40 e 4.30 del mattino in direzione NORD – EST bassa sull’orizzonte fino al 14 di luglio
  • Non avere ostacoli in direzione nord – est, meglio se riuscite a distinguere la linea dell’orizzonte.
  • Dopo il 14 di Luglio sarà visibile sempre al mattino presto, ma è più comoda tra le 22.15 fino a che non scende sotto l’orizzonte in direzione Nord Nord Ovest (praticamente a nord), sempre molto bassa sull’orizzonte. Più passano i giorni e più si alzerà la sera, rendendone comoda l’osservazione (ricordatevi che calerà la luminosità!)
  • Non avere ostacoli in direzione nord-nord-est, meglio se riuscite a distinguere la linea dell’orizzonte.
  • Cielo senza nuvole ed il più terso possibile.
  • Visibile ad occhio nudo ma più apprezzabile con un binocolo.

 

Se avete qualche dubbio scrivetemi pure e sarò felice di rispondervi.

C2020-F3-NEOWISE

Non mi resta che augurarvi una bellissima esperienza sotto la scia della cometa, a prescindere dal fatto che scattiate o meno fotografie.

L’importante che possiate godervi lo spettacolo, arricchendovi l’animo del messaggio vitale che è più consono alla vostra mente.

Io guardandola penso, che sia capace di viaggiare senza curarsi di niente e di nessuno e continuerà a farlo per anni ed anni.

Credo sia proprio una cometa come quelle che hanno seminato il panico nella nostra storia, o annunciato al mondo un avvenimento straordinario, ma con un messaggio forte e chiaro che grida al mio cuore: non bisogna mai perdere la speranza di trovare bellezza in questo universo!

Oliveto
Prev Quando per una buona fotografia di paesaggio serve prima di tutto un fotografo!
Next Il fotografo è un “se stesso” più il paesaggio che ritrae
Risin e Kelling Sunset

Leave a comment

Right clicking is disabled
shares
Processing...
it_IT

emozionati

Non rimanere indietro!

Rimani aggiornato su novità fotografiche, prossimi workshop o viaggi e ottieni sconti esclusivi!